domenica 4 ottobre 2020

Stragi alla foce del Centa fra il 1944 e il ’45

Il bunker alla foce del torrente Centa in Albenga (SV) - Fonte: Wikipedia
 
Albenga era la sede del comando dell’80° Reggimento della 34a Infanterie-Division della Wehrmacht e sempre ad Albenga erano presenti sia il tribunale militare del reggimento sia il plotone della Feldgendarmerie del reggimento. Molti dei partigiani che venivano catturati nel campo operativo del reggimento venivano trasferiti nella caserma di Albenga, dove subivano un processo sommario per  poi, nella grande maggioranza dei casi, essere condannati a morte: sentenze che venivano eseguite entro pochi giorni dalla pronuncia. Alcuni nomi si resero protagonisti di processi istruiti nel dopoguerra: il comandante del reggimento e presidente del Tribunale Militare, maggiore Gerhard Dosse; il maresciallo Friedrich Strupp, spesso Pubblico Ministero durante i dibattimenti, accusato di torture e sevizie nei confronti degli arrestat; gli italiani, ufficialmente interpreti, ma autori di feroci delitti, Luciano Luberti e il suo vice Romeo Zambianchi, questi l’unico che venne condannato a morte dalla Corte d’Assise di Savona con una condanna capitale effettivamente eseguita. Ad Albenga, quasi sempre alle foci del torrente Centa, tra partigiani, collaboratori, fiancheggiatori e civili vennero giustiziati più di cento persone [...] Bruno Mantero, poliziotto ferroviario, fratello di Agostino, patriota della SAP di Albenga, arrestò a Ventimiglia nel 1946 Luberti, che tentava di espatriare in Francia [...] Durante una perlustrazione mirata nel borgo di Lusignano vennero catturati il 6 dicembre 1944 due partigiani, Francesco Baracca De Pascale e Giovanni Giletta Gugliotta. I due furono subito uccisi con due colpi alla nuca. Gugliotta freddato dal tristemente conosciuto maresciallo Friedrich Strupp della feldgendarmerie di Albenga, De Pascale dall’ancor più feroce Luciano Luberti [...]
In Leonardo Sandri, Processo ai fascisti: una documentazione, Vol. 9,  StreetLib, Milano, 2019 si apprende [...]
Rapporto dei carabinieri di Albenga del 24.6.45: Il dottor Russo Pierluigi giunse ad Albenga verso la metà del febbraio 1945 in servizio presso la locale brigata nera. Dimostrò subito particolare zelo nel coadiuvare la Feldgendarmerie di Albenga che in quel periodo spiegava una feroce attività di intimidazione attraverso l’uccisione di numerosi ostaggi. Il dottor Russo era coadiuvato dalla sua amante Andreis Anna, la quale esercitava la sua deleteria influenza sul maresciallo della Feldgendarmeria Strupp, di cui contemporaneamente ne era l’amante. Il dottor Russo vantava la sua appartenenza alla brigata nera e si dichiarava fervente nazifascista. Portava sulla manica destra della giubba la scritta “Per l’onore d’Italia”.
Interrogatorio di Russo Pierluigi del 30.7.1945: Sono iscritto dal 1927 al Pnf fino al 1934 quando venni
espulso per morosità, non sono mai stato iscritto al PFR [...] Andai quindi a Genova a consigliarmi con degli amici che mi dissero che solo le brigate nere erano il rifugio sicuro degli sbandati e come medico avrei potuto avere un impiego adeguato. Il 15 febbraio mi presentai al comando della brigata nera di Sovana dove venni incorporato ed inviato subito ad Albenga per compiere un’inchiesta amministrativa a carico del comandante del distaccamento, Ten. Scippa, arrestato sotto l’imputazione di ammanco per circa mezzo milione. Le indagini da me condotte riuscirono positive e rimasero implicati oltre al tenente anche cero Cesare Lampasoma, sottufficiale della brigata nera, Raineri, direttore della mensa e magazziniere della brigata ed indirettamente anche il pretore di Albenga, Avv.Tacconi. Questo risultato portò ad una serie di denunce contro di me ed il 10 marzo 1945 fui fatto rientrare a Savona sotto inchiesta, esentato da qualsiasi servizio e con l’obbligo di vestire in borghese. A fine mese venni alla fine smobilitato e cessò ogni mio rapporto con le brigate nere. Con la Feldgendarmeria tedesca ebbi soltanto rapporti superficiali di pratiche d’ufficio. Non conosco l’attività politica e spionistica esercitata da Andreis Anna, detta Zola, in favore della Feldgendarmeria tedesca. La mia relazione con lei fu interrotta nel 1943. Non sono mai stato a conoscenza circa presunte uccisioni di ostaggi, maltrattamenti a detenuti, sevizie e violenze carnali a donne fermate imputate alla Feldgendarmerie, in quanto durante la mia breve presenza ad Albenga non è avvenuto nulla di tutto ciò.
Rapporto del Comando Polizia Militare Forze Armate Americane del Mediterraneo del 23.8.45: Le seguenti informazioni sono state ricevute dal sottufficiale Alfred Fuchs che si trova attualmente in campo di concentramento a Verona. Egli appartenne al I°Btg. dell’80°Rgt. Della 34^Divisione di Fanteria. Questo reparto aveva rinforzato la gendarmeria di campo di Albenga fra Imperia ed Alassio. Il capo della gendarmeria da campo era il Maggiore Gerhard Dosse. Questo Dosse era di solito incaricato di eseguire spedizione terroristiche che avvenivano fra la mezza notte e l’alba con il pretesto di scovare i partigiani. Il criminale di gran lunga più attivo fu il Maresciallo Fritz Strupp, sposato, residente a Coblenza, che era in relazione con una certa signora Anna di Albenga. Lo Strupp ha personalmente ucciso la maggior parte delle persone fucilate ad Albenga e presenti in un album fotografico di sua proprietà. Queste persone erano indicate allo Strupp da tale Alfredo Ghio, un partigiano disertore. Un altro criminale molto attivo era tale Luberti, proveniente dalla marina. Secondo le dichiarazioni del Fuchs, un italiano, tale Dottor Russo, appartenente alle brigate nere, sarebbe anch’esso stato un attivo criminale. 
Bisterzo Felice: nato a Stoccarda, il 16 giugno 1913, squadrista della Brigata Nera “Briatore”, distaccamento di Albenga
Interrogatorio del 15.7.1945: Mi sono iscritto al PNF nel 1935 e al PFR dall’ottobre del 1944. Entrai a far parte delle brigate nere ai primi di dicembre 1944 fino al 24 aprile 1945. L’8 settembre ero soldato all’autocentro 2° di Trieste dove venni fatto prigioniero da tedeschi e trattenuto fino al mese di novembre. In questo periodo fuggii per ben tre volte e indotto poi a lavorare nella Todt come operaio. Mi sono arruolato nella brigata nera volontariamente l’1.12.44. Ammetto di aver dato due schiaffi per ordine del maresciallo della Feldgendarmeria all’intendente del comandante partigiano “Domatore”, arrestato in Albenga, quando questi era già orribilmente straziato, il boia Luciano dopo di ciò mi disse “Gliene hai date ancora poche”. Ho accompagnato, prelevandoli dal carcere della Feldgendarmeria, numero 17 ostaggi alla spiaggia dove i tedeschi ad uno ad uno li prendevano da noi e li portavano ad una cinquantina di metri dove, con un colpo alla nuca, li giustiziavano; quella volta non ci hanno fatto sotterrare né fare la guardia ai morti. Mi sono fatto consegnare soldi e viveri dalle famiglie, assicurandole che i loro congiunti, si trovavano in carcere e stavano bene mentre invece erano già stati giustiziati, tenendomi i soldi ed i viveri. Le esecuzioni al mare erano eseguite dal maresciallo Strupp e dal boia Luciano. Il partigiano Aldo Basso è stato fatto arrestare dal Brazzi Ennio, ex partigiano, passato al servizio delle bande nere. Gli esponenti della brigata nera di Albenga sono Reiner (direttore di mensa), Ten. Contini ed il vice comandante Lampason Cesare. Il 12 gennaio 1945 venni arrestato per aver fatto allontanare il partigiano, Tenente Aldo Basso, e venni tradotto in prigione nella federazione repubblicana di Savona dove rimasi fino al 2 di aprile. Rilasciato, ripresi servizio come motociclista presso la brigata nera a Savona, rimanendovi fino al giorno 22 quando mi nascosi presso una famiglia. Il 10 maggio mi presentai alla polizia di Albenga che mi condusse al carcere di Savona [...]
Giorgio Caudano Giorgio Caudano, Dal Mare alla Trincea... memorie di uomini, BB Europa, Cuneo, 2019; Silvia Alborno, Gisella Merello, Marco Farotto, Marco Cassini, Giorgio Caudano, Franck Vigliani, curatori della mostra Claude Monet, ritorno in Riviera, catalogo a cura di Aldo Herlaut, Silvana Editoriale, Milano 2019; La Magnifica Invenzione. I pionieri della fotografia in Val Nervia 1865-1925, a cura di Marco Cassini e Giorgio Caudano, Istituto Internazionale di Studi Liguri, Bordighera, 2016   ]
 
Fra l’ottobre del 1944 e l’aprile del ’45 ad Albenga, in via Trieste, in uno degli edifici Incis al momento disabitati, ma che in passato avevano ospitato famiglie di dipendenti statali, si insedia la Feldgendarmerie Trupp, un distaccamento della polizia militare della Wehrmacht che dipende dal 1° Battaglione dell’80° Reggimento Granatieri della 34ª Divisione.
Il 1° Battaglione, comandato dal capitano della riserva Gerhard Dosse, un insegnante prestato all’esercito e noto per la sua ferocia e lussuria, presidia la zona fra  Andora e Ceriale tramite singoli distaccamenti come quello ingauno e dipende a sua volta dall’80° Grenadier-Regiment, di stanza a Villa Grock, ad Oneglia.
Questo Reggimento è posto sotto il comando del colonnello Klaus Stange con il compito di controllare l’area compresa fra Imperia e Albenga e risponde alla 34ª Infanterie-Division, sotto l’alto comando del generale Theobald Helmut Lieb, che presidia il Piemonte meridionale e la Liguria occidentale. A capo della Feldgendarmerie c’è il maresciallo Fritz Friederich Strupp, da cui dipendono il sergente maggiore Alfred Fuchss, il caporale Johann Hans Nüsslein e una decina di graduati tedeschi. Li affianca un fascista, Luciano Luberti, che, arruolatosi nella Wehrmacht dopo l’8 settembre, è stato addestrato in Germania e, con il grado di caporalmaggiore, funge da interprete. 

Per effettuare azioni di rastrellamento e interventi di controllo del territorio, la Feldgendarmerie si avvale delle truppe del capitano Dosse e dei fascisti della Brigata nera locale intitolata a “Francesco Briatore”, fra i quali spicca per efferatezza Romeo Zambianchi. 

Le stragi a opera della Feldgendarmerie avvengono nei pressi della foce del fiume Centa, un’area pressoché inaccessibile alla popolazione sia per la presenza di fortificazioni militari erette dalla Todt in funzione antisbarco, sia per la vigente ordinanza del coprifuoco, che va dalle 17.30 alle 6 del mattino, sia infine per l’impraticabilità della zona, collocata fra la stazione ferroviaria e il mare e ricoperta da sterpaglia e canne. 

E’ tuttavia importante notare che, nel caso di Albenga, la procedura esecutiva messa in atto dalla polizia militare tedesca riflette solo parzialmente le misure repressive indicate dal sistema di ordini emanato il 17 giugno 1944 dal feldmaresciallo Kesselring. In tale sistema al rastrellamento, generalmente conseguenza di attacchi partigiani, segue la cattuta di civili sospettati di essere complici o parenti dei “banditi”, il loro concentramento presso strutture di raccolta, quindi l’interrogatorio aggravato dal ricorso a forme di tortura e, infine, la selezione dei “validi”, non coinvolti nel partigianato, che vengono inviati al lavoro in Germania, dai restanti prigionieri, destinati a formare un serbatoio di ostaggi funzionale a eventuali rappresaglie. 

In questo modo la procedura dei rastrellamenti, di per sé aberrante, assumeva il significato di un concreto monito rivolto alla popolazione per dissuaderla dall’offrire aiuto ai ribelli. La Feldgendarmerie di Albenga si discosta però da tali procedure mettendo in atto alcune modalità esecutive che eccedono in efferatezza la tattica imposta dalle direttive superiori. Fra queste si osserva: il frequente ricorso a segnalazioni di spie locali, sovente prive di qualsiasi fondamento; la forte propensione a far leva - grazie soprattutto alla stretta collaborazione con fascisti del calibro di Luberti e ingauni privi di scrupoli come il Zambianchi - su conflitti individuali e su contese di natura privata preesistenti fra le famiglie per provocare scontri, avviare rastrellamenti di cittadini e razzie e saccheggi dei loro beni; la “corte marziale”, priva d’ogni fondamento di legalità, allestita dal Dosse nella Feldgendarmerie; oppure ancora la tendenza a strumentalizzare con particolare pervicacia “l’invidia” personale e di classe, diffusa sul territorio anche a fronte del benessere di proprietari di aziende agricole, attività commerciali e imprese artigianali presenti in una piana come quella del Centa che, per estensione e fertilità, costituisce da sempre un’eccezione fra le modeste aree coltivabili del savonese. A queste costanti, occorre aggiungere le perplessità che i rastrellamenti di civili effettuati dai nazifascisti dell’albenganese
suscitano se interpretati, secondo la consuetudine, come deterrente in risposta a eventuali azioni partigiane o in funzione di possibili selezioni di personale valido e idoneo al lavoro rispetto a soggetti inabili. In altri termini, la Feldgendarmerie agisce con un surplus di crudeltà apparentemente gratuita e ingiustificata rispetto alle logiche belliche correnti e, data la frequenza e le dimensioni quantitative delle stragi di civili effettuate, non trova riscontro in altri eccidi avvenuti nel biennio 1944-’45 nel savonese né in altre zone operative liguri.

A titolo esemplificativo, tra gli episodi di delazione, ricordo la spiata di Roberto Richero che, denunciando i Gandolfo, ricchi proprietari di un’azienda agricola a Ortovero, per aver fornito viveri ai partigiani, offrì il destro alla Feldgendarmerie per impossessarsi dei beni della famiglia Gandolfo, farne razzia e per procedere all’arresto prima di Silvestro e poi di Amerigo, che si era presentato al distaccamento per chiedere il rilascio del fratello. Entrambi, pur non avendo mai dato prova di convinzioni politiche antifasciste, vengono fucilati il 16 dicembre 1944 insieme a Gino Zunino, un giovane cestaio di 18 anni, forse renitente alla leva. 

Un altro episodio in cui la spiata di un concittadino diventa l’occasione perchè la Feldgendarmerie attui le sue trame criminose è data dall’arresto a Villanova di Albenga di Pietro Navone, ricco macellaio del paese, con i due figli Annibale e Alfredo. L’accusa di aver fornito cibo ai partigiani gli viene mossa da Giovanni Navone, detto “il Pipetta”, non imparentato con l’omonima famiglia di Villanova. Poco importa che - come in regime d’emergenza poteva capitare - i Navone fossero stati indotti con la forza a consegnare le loro carni ai partigiani.
L’occasione è sufficiente per dare modo ai gendarmi tedeschi e alle Brigate nere di saccheggiare per una settimana i beni dei tre, i quali vengono fucilati il 27 dicembre del ’44 presso la foce del Centa con altri 4 ostaggi.

Alle vicende ingaune sono anche legate due macabre beffe. La prima rimanda al proclama del 29 dicembre 1944, emesso dal commissario prefettizio maggiore Bruno Pacifici, che sollecita la popolazione a sostenere con denaro le famiglie dei concittadini economicamente in difficoltà per l’arresto dei loro congiunti che si ritiene siano imprigionati presso la Feldgendarmerie o le carceri savonesi di Sant’Agostino.
L’offerta in denaro, che pare sia stata consistente, conferma che gli albenganesi sono all’oscuro delle reali macchinazioni dei nazifascisti. La seconda richiama la “tragica messinscena” della sera del 12 gennaio ’45, quando Luberti, in seguito a un sommario processo in cui ha riferito a 13 ostaggi che la loro condanna consiste in alcuni mesi da scontare nelle carceri di Sant’Agostino, mette nelle loro tasche
un biglietto ferroviario con destinazione Savona.
La verità emerge soltanto grazie alla fortuita fuga di uno degli ostaggi, Bartolomeo Panizza, attivo come Sap ad Albenga. Egli percorre sotto scorta con gli altri ostaggi il sentiero che dalla stazione ferroviaria conduce alla foce del Centa ma, giunto nel bunker di raccolta, riesce a liberarsi raggiungendo poi il Distaccamento di Domenico Trincheri (“Domatore”). Alla fuga rocambolesca del Panizza assiste accidentalmente anche Luigi Pesce, noto come “Luassu”, un partigiano incaricato dai compagni di esplorare la zona mare per verificare cosa avvenga in quell’area impraticabile. Durante il processo all’ex capitano Dosse, accusato di “reato continuato di violenza con omicidio da parte di militari nemici contro privati italiani”, la condanna imputatagli si ridurrà alle sole vittime del 12 gennaio ’45, ossia alla dozzina di civili sulla cui morte hanno testimoniato il superstite Bartolomeo Panizza, Luigi Pesce in quanto testimone oculare, nonché don Giacomo Bonavia, a conoscenza dei fatti per essere stato a sua volta catturato come ostaggio ma poi fortunatamente liberato per l’intercessione di Monsignor Cambiaso, vescovo di Albenga.

Le stragi di civili presso la foce del Centa si succedono nelle seguenti date: 3, 16, 27 e 28 dicembre del ’44, in cui rispettivamente vengono fucilate 4, 3, 7 e 15 persone. Le stragi del 1945 avvengono il 12 e il 22 gennaio e il 18 e il 19 febbraio. Le vittime in questo caso sono costituite da gruppi formati da 12, 5, 6 e 5 persone. A fine guerra, fra il 6 e l’8 giugno 1945, in tre successivi disseppellimenti, vengono estratte dalle 7 fosse comuni ben 59 salme. Di queste, due soltanto non sono riconoscibili. Procedendo all’identificazione delle vittime, il dottor Marcello Navone, Vicepretore del Mandamento, e il dottor Mario Pagliari, Ufficiale sanitario del Comune di Albenga, annotano particolari raccapriccianti (“teschio irriconoscibile... mancante della dentatura superiore... alla caviglia del piede destro una ferita di pallottola... col volto irriconoscibile... dentatura mancante di denti”), segno indubbio delle torture cui vennero sottoposti gli ostaggi. Dei 57 corpi identificati: 5 appartengono a donne e soltanto 10 a partigiani. Per quanto concerne le classi di età: 11 vittime hanno meno di 20 anni (il 19,2%), 12 hanno un’età compresa fra i 20 e i 30 anni, 16 si collocano fra i 31 e i 40 anni, 10 fra i 41 e i 50 anni, 4 fra i 51 e i 60 anni e altrettanti nella fascia dai 61 anni in su. L’occupazione più diffusa è certamente il lavoro della terra, che impegna 15 agricoltori, ma ci sono anche piccoli commercianti e diversi esponenti d’una variegata serie di mestieri legati all’artigianato (molti ortolani, 3 cestai, un barbiere, un falegname, alcuni fornaciai e meccanici, un carrettiere e un fabbro), mentre scarsi sono i salariati dell’industria. Si distinguono inoltre alcuni cittadini benestanti (3 commercianti) e una famiglia di macellai. Per quanto concerne la provenienza, la maggior parte delle vittime è nata ad Albenga (11), Villanova d’Albenga (11) e Ortovero (6); 18 sono invece nativi di comuni limitrofi, ossia: Cisano, Garlenda, Borghetto d’Arroscia, Arnasco, Vendone, Pieve di Teco, Castelvecchio di Roccabarbena, Alassio, Loano, Finale e Stellanello; 3 provengono dal Ponente genovese; 4 dal “basso Piemonte”, 3 dalle province di Ferrara e di Padova e uno da Gela. Il gruppo più numeroso riflette il profilo sociale e professionale dell’area in cui le stragi sono avvenute è infatti formato da maschi di età compresa fra i 20 e i 40 anni, che costituisce il 49,1% del totale delle vittime, opera nel settore agricolo e proviene da Albenga o da paesi vicini.
Infine, per quel che riguarda i criminali nazifascisti responsabili degli eccidi, rispetto alla componente italiana, l’unico a subire la condanna a morte per fucilazione, imputatagli il 21 marzo 1946 dalla Corte d’assise straordinaria costituita a Savona per i reati di collaborazionismo, è Matteo Zambianchi. Il Luberti, cui è imputata la medesima condanna con sentenza del 24 luglio 1946, nel 1949 ottiene la commutazione della pena nell’ergastolo che però, l’anno dopo, è tramutata dalla Corte di appello di Genova nella reclusione a 19 anni, a sua volta ridotta a 10 nel 1954. Di fatto, dopo 7 anni di carcere il Luberti nel 1953 viene liberato. Tuttavia torna agli onori della cronaca (nera) in quanto sospettato di contatti con gli esecutori materiali della strage di Piazza Fontana a Milano del 12 dicembre 1969 e con il principe Junio Valerio Borghese, noto per un tentativo di golpe nel dicembre dello stesso anno. Dal gennaio del ’70, dopo aver ucciso la giovane segretaria e amante Carla Gruber, è latitante. Catturato nel 1972 e condannato a 22 anni di reclusione dalla Corte di assise di appello di Roma, viene riconosciuto infermo di mente e rinchiuso nel gerontocomio di Aversa. Ricompare in un’intervista televisiva del 1998 e muore nel 2002.
Riguardo ai graduati tedeschi che operarono nella Feldgendarmerie, dopo anni di silenzio, le indagini si riaprono una prima volta in seguito alla scoperta nel 1994 dell’“armadio della vergogna”, quando alla Procura militare di Torino pervengono due documenti: l’uno a carico di “ignoti militari” accusati del reato di violenza con omicidio contro “Gandolfo Amerigo e altri 58”, l’altro a carico di Strupp, Fuchss e Dosse in ordine a reati di “violenza, maltrattamenti contro privati nemici e ostaggi, saccheggio ed incendio”.
In entrambi i casi l’anno successivo è però nuovamente chiesta l’archiviazione per “l’amplissimo lasso temporale trascorso” e, di conseguenza, per l’improbabile reperibilità degli autori materiali dei reati. Ma con la nomina a Procuratore militare di Torino di Pier Paolo Rivello e grazie soprattutto all’incontro
pressoché casuale del procuratore con l’avvocato Claudio Bottelli, ex partigiano e presidente dell’ANPI di Alassio e Laigueglia, il 16 dicembre 2001 le indagini si riaprono e Gehrard Dosse è iscritto nel registro degli imputati.[...] Il Dosse è rinviato a giudizio con l’accusa dell’omidicio di dodici persone il 12 dicembre 1944, grazie ai riscontri probatori relativi a questa strage. Ma nei confronti degli eccidi perpetrati in precedenza e in quelli successivi, come quello di Vendone del 20 gennaio 1945 o quello avvenuto nel Cimitero di Leca di Albenga il 17 marzo dello stesso anno, la mancanza di prove è di ostacolo alla procedura penale. Agli interrogatori Dosse risponde con ostruzionismo: da un lato ribadisce che non ricorda e, dall’altro, nega addirittura di essere mai stato ad Albenga.
Al processo i tre comuni di Villanova d’Albenga, Albenga e Arnasco si costituiscono parte civile (e Bottelli è uno dei tre avvocati che li rappresentano).
Dopo aver ascoltato i teste, che ricordano la messinscena delle false corti marziali presso la Feldgendarmerie di via Trieste e le atrocità commesse, il 13 dicembre 2006 il Tribunale militare di Torino condanna all’ergastolo Gerhard Dosse e la sentenza passa in giudicato il 13 aprile dell’anno successivo [...]

Giosiana Carrara, Stragi nazifasciste di civili nella provincia di Savona in Savona in guerra. Militari e vittime della provincia di Savona caduti durante il secondo conflitto mondiale (1940-’43/1943-’45), ISREC Savona, 21 gennaio 2013 

 

Macché pietà cristiana scambi di prigionieri umanitarisrni e tregue; basta coi se i ma i forse e i chissà; qui il sangue chiama sangue, e il solco si scava sempre di più.
- Si può sapere insomma cosa vuole ancora sto rompiscatole del vescovo, con le sue giaculatorie? Ma che lo faccia in cattedrale il suo mestiere, altro che remenarla sempre così coi tedeschi in gendarmeria: o gli piace o no, adesso qui comanda solo il boia - diceva il tenente della brigata nera, a rapporto dal federale.
- Se i prigionieri lui li torchia ben bene con tutti i sentimenti, ma non parlano lo stesso, allora i patti non servono né coi preti né col vescovo; e dunque va bene ammazzarli ancora nel bunker sulla spiaggia, sempre avanti così;    poi    sto tenente scattava sull'attenti, salutava alla romana e se ne andava gridando secco -    a noi.
Il boia di Albenga, quando glielo domandano, dice che sì; nonostante tutto si può tentare ancora in segreto; anche se il lavoro aumenta non ci pensa nemmeno, ci mancherebbe altro: col coprifuoco o no, vivi sempre il fascio e morte ai ribelli; altroché.
Eppoi non ci sono problemi nel bunker, manco parlarne; eccome che lo sa come si fa sempre alla solita-maniera, anzi ancora di più per sbrigarseli in fretta; adesso però si capisce, basta guardarsi un po' in giro come capita, è sempre peggio.
Bisogna ben farla finita una buona volta mettendocela tutta senza risparmio; e sempre avanti col fascio bisogna ben andarci fin lassù per agguantarli tutti, ma proprio tutti al completo; e che la porcavacca se li porti via sti fuorilegge bastardi. Dice che non si può mica continuare tutte le sere sempre uguale, a scaraventarseli così da una parete all'altra delle celle, senza farsene accorgere: - adesso basta; manco mettendocela tutta, uno non ci riesce più a continuare come prima, nemmeno con gli aiutanti addestrati sempre lì pronti e disponibili -, dice il boia.
- E dunque va bene: se è inutile tenerseli che non c'è da fidarsene, va bene, facciamoli fuori.
Osvaldo Contestabile, Scarpe rotte libertà. Storia partigiana, Cappelli editore, 1982, p. 202

Roma "Pronto, potrei parlare per cortesia con il signor boia?". "Sì, qui è la casa del dolore". Potrebbe capitare a chiunque: alzare il telefono, comporre il numero di telefono di Luciano Luberti, venire accolti da un ritornello tra il romanesco e il luciferino. Dall' altro capo del filo risponde un signore di settantasei anni dalla barba di lanugine e gli occhi serpigni. E' il boia di Albenga, il torturatore italiano della Feldgendarmerie tedesca che in appena quattro mesi, tra la fine del 1944 e il 1945, seviziò, talvolta violentò, mandò a morte un centinaio tra uomini e donne rastrellati alla foce del fiume Centa.
"Pronto, sì, qui è la casa del dolore". Un boia che fa il boia. Un Mangiafuoco autoironico. Può capitare anche questo. Si riparla di questo seguace di Hitler perché a partire da ieri sera, a notte fonda, Raiuno manda in onda quattro puntate a cura di Sergio Tau con una lunga testimonianza del boia Luberti Luciano.
Un documento straordinario, spaventoso, ma anche carico di insidie per il "fascino sinistro" che emana dal personaggio - il massacratore charmeur è ben tratteggiato da una delle sopravvissute - e non solo per questo: ma di ciò parleremo più avanti. Chi cerchi nell' intervistato la freddezza o il gesto trattenuto di un Priebke rimarrà deluso. Niente in Luberti tradisce contrizione. Non la voce né lo sguardo sornione né il ghigno perpetuo. Un personaggio inquietante, che sintetizza anche nella figura falstaffiana ferocia nazista e teatralità all' amatriciana. "Gli ho fatto un buco così, gli ho fatto, a Giovanni il Siciliano", ripete disegnando nell' aria un melone. "L' ho beccato dopo che aveva fatto fuori quel poveretto delle Brigate Nere. Gli ho scaricato in testa dieci bossoli, un buco così gli ho fatto a Giovanni il Siciliano...". Non la banalità, ma la voluttà del male. Prima di affrontare i rischi di questa operazione televisiva (che potrebbe sollevare le stesse perplessità che sollevò due anni fa Combat Film), converrà ricordare chi è il Boia d' Albenga, un personaggio romanzesco su cui s' è esercitato anche uno scrittore come Vincenzo Cerami. Fascista innamorato del Fuhrer, a ventidue anni s' arruola direttamente nella Wehrmacht. La sua brillante carriera nell' esercito tedesco comincia con il rastrellamento di partigiani italo-francesi in Corsica: è determinato, efficiente, merita la croce di ferro di seconda classe.
Quindi nel dicembre del 1944 il trasferimento ad Albenga, un paesino vicino a Savona che ospita il comando della Feldgendarmerie, la polizia militare del Fuhrer. Sevizie d' ogni genere. Torture. Anche stupri con bottigliette di gassosa infilate a calci. Capezzoli tagliati. Pareti imbrattate di sangue. "Beh, certo, la Feldgendarmerie lavorava sodo", dice ora il Boia un tantino compiaciuto. "Stavamo sulle palle anche ai camerati di Savona. Ma - che volete? - interpretavamo la legge, eravamo fedeli al regolamento". Dopo la guerra, la foce del fiume Centa restituirà cinquantanove cadaveri. "Befehl ist Befehl, l' ordine è ordine", continua a ripetere oggi il Boia, scuotendo la candida barba che va giù a cascata. "E io, al contrario di Priebke, ho obbedito senza lacrimare... Povero Priebke, c'ha 82 anni: finge un po' di pentimento, scarica su Kappler, ma se l' ha fatto è perché sentiva di obbedire volentieri a quell' ordine. Che me stanno a cantà?". Nell'aprile del 1945, Luberti riesce a fuggire. Prima Torino, poi Napoli, il tentativo di arruolarsi nella Legione Straniera. Il 17 maggio del 1946, sulla banchina del porto di Genova, viene riconosciuto da una sua vittima. Al processo i giudici lo condannano a morte. L' anno successivo la Corte d' Appello di Genova trasforma la sua pena prima in ergastolo, poi in 19 anni e sei mesi di carcere. L' amnistia del 1953 gli toglie ancora dieci anni. Nel luglio del 1956 il Boia torna libero. Possibile? Sentiremo ancora parlare di lui. Prima come editore di libriccini d' ispirazione nazista, poi come militante del Fronte nazionale, l' organizzazione neofascista di Valerio Borghese.
[...]  Intanto scorrono sul video le testimonianze di ufficiali e sottufficiali della Divisione San Marco, soldati al servizio di Salò. Parlano anche le donne stuprate dai partigiani. Parlano i partigiani a cui furono portate via le donne poi stuprate. Parlano le vittime del Boia. Un western sanguinario di grande impatto emotivo. Una mattanza che però rischia dicancellare nel bagno di sangue le ragioni dei vincitori e dei vinti. Una marmellata rossa che condanna tutti e nessuno: chi si batteva per la democrazia e chi dalla parte della tirannide. Proprio come ai tempi di Combat Film: l' emozione prevale sul ragionamento, il discrimine fascismo-antifascismo si perde per strada. Queste riserve sono condivise da Gian Enrico Rusconi, lo storico chiamato da Tau a presentare i materiali insieme ad Acquaviva. "Si tratta di un programma molto efficace sul piano spettacolare", ci dice lo studioso, "ma segnato da una sorta di agnosticismo contestuale. Il messaggio che manda è una condanna generica della violenza di qualsiasi segno. Viene messa in scena una tragedia totalmente impolitica, una babarie astorica: potremmo essere in Bosnia come in Ruanda. Acquaviva sceglie di non storicizzare, come invece avrei fatto io". Rusconi rimarca le distinzioni tra la ragione dei vincitori e gli errori dei vinti - l' ha fatto nelle prime due puntate (già registrate) ma intende tornarci con maggior vigore nelle successive - "perchè quella è la nostra storia, una storia che non si può dimenticare o appiattire su personalità disturbate. Accanto alla guerra civile c' è anche una patologia della guerra civile: temo che il programma confonda due piani diversi".
Simonetta Fiori,... torna l'incubo del boia di Albenga, la Repubblica, 11 febbraio 1997

La procura militare di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio di Gerhard Dosse, un capitano delle forze armate tedesche durante la seconda guerra mondiale, per la fucilazione di dodici italiani avvenuta ad Albenga (Savona) il 12 gennaio 1945.
Dosse, che oggi ha 96 anni e vive a Wedel, in Germania, all' epoca dei fatti era il comandante delle truppe stanziate nella città ligure.
I dodici, sospettati di collaborare con i partigiani, furono uccisi in località Foce del Centa. Il più giovane aveva 18 anni, il più anziano 43. Tra di loro c'erano anche tre donne.
Secondo quanto ha ricostruito il pm Paolo Scafi, che ha indagato su una catena di uccisioni avvenute nella zona (in tutto si tratta dell'omicidio di 71 persone) tra il novembre del 1944 e l'aprile del 1945, il capitano Dosse ebbe un ruolo determinante: anzi, come si legge nelle carte dell'inchiesta, fu «una delle figure centrali di quel dramma».
Fino ad ora - è scritto - le stragi erano state «genericamente attribuite all'attività criminosa svolta da un gruppo di "feldgendarmerie" con il quale collaboravano anche due cittadini italiani, ma questa angolazione ha fatto sì che il ruolo di Dosse, capitano della Wehrmacht, sia stato sottovalutato». In realtà, secondo Scafi, l'ufficiale era il presidente di un tribunale speciale, chiamato «Standgericht», istituito per giudicare i partigiani. Un tribunale che però celebrava i suoi processi violando addirittura le norme giuridiche tedesche: gli incolpati, che non avevano diritto all'avvocato, non potevano seguire la discussione in aula e a volte non potevano nemmeno conoscere la sentenza, venivano condannati a morte per reati - come il favoreggiamento - che non prevedevano la pena capitale, ma al massimo il lavoro coatto. E' stata acquisita agli atti dell'indagine una nota del questore di Savona, che nel marzo del '45 indicò in Dosse il presidente dello «Standgericht» definendolo un «elemento che ha fama di spietata ferocia».
Il processo, comunque, è stato chiesto solo per le dodici fucilazioni di Foce del Centa. La prova regina, per gli inquirenti, è costituita dalle deposizioni di Bartolomeo Panizza, un uomo che riuscì fortunosamente a scampare alla strage, e del sacerdote don Giacomo Bonavia. «Entrambi - è scritto - hanno testimoniato di essere stati sottoposti a un procedimento di fronte a una corte marziale presieduta dal capitano Dosse il 4 gennaio 1945».
Quando venne a sapere che il suo nome era stato associato a un'inchiesta per crimini di guerra, Dosse tentò il suicidio. Nel fascicolo, il pm Scafi ha osservato che «gli eccessi commessi dai militari tedeschi in Albania, in particolare dalla 'Feldgendarmeriè, suscitarono vibrate proteste delle autorità della Repubblica Sociale Italiana».
Redazione, Nazismo - Chiesto giudizio per il «boia d'Albenga», La Gazzetta del Mezzogiorno.it, 10 febbraio 2005