venerdì 8 maggio 2020

I partigiani dell'Imperiese ed il proclama di Alexander


La Brigata S.A.P. di Imperia "Walter Berio" a novembre 1944 disarmò 4 militi repubblichini, recuperò diverse armi leggere, vari equipaggiamenti, 10 bombe  a mano tedesche, arrestò 4 spie, che vennero consegnate ai partigiani in montagna; giustiziò (il 4 novembre) un soldato delle brigate nere vicino ad Oneglia ([Imperia): per rappresaglia il nemico prelevò dalle carceri tre prigionieri partigiani che vennero uccisi in pubblico.
Gli alleati il 9 novembre bombardarono pesantemente Bordighera (IM) con il tiro di cannoni a lunga gittata.
Il 13 novembre 1944 venne diffuso il tristemente noto "proclama di Alexander", con cui il generale inglese, ringraziando i partigiani italiani per l'impegno profuso, li invitava a tornare alle proprie case, abbandonando provvisoriamente la lotta, in attesa che trascorresse il freddo.
Gli organi locali di stampa del fascismo scrivevano con compiacimento che gli alleati intendevano abbandonare i ribelli al loro destino. Sostenevano, ad esempio, che "in simili circostanze il dovere del governo [Bonomi] è di aiutarli. Ma se egli non riesce a procurarsi quei pochi aereoplani che sarebbero necessari per inviare a Berna e a Londra i nuovi ambasciatori italiani, come potrà organizzare un rifornimento per via aerea in favore dei fuorilegge?"
Il proclama di Alexander non considerava che i patrioti nelle loro case erano attesi dai capestri. E non valutava neanche il loro orgoglio.
Nei reparti della I^ Zona Operativa Liguria si sviluppò un acceso dibattito sul proclama. I garibaldini intesero continuare la guerra.
Tutt'al più alcuni di loro andarono ad ingrossare le file delle S.A.P.
Rocco Fava di Sanremo (IM), La Resistenza nell'Imperiese. Un saggio di regestazione della documentazione inedita dell'Istituto Storico della Resistenza e dell'Età Contemporanea di Imperia (1 gennaio - 30 Aprile 1945) - Tomo I - Tesi di Laurea, Università degli Studi di Trieste, Anno Accademico 1998 - 1999

A quel proclama rispose duramente Carlo Farini [Simon], ispettore della I^ Zona operativa Liguria, a nome del Comando unificato ligure, dicendo al generale Alexander quello che si meritava e incitando i partigiani a serrare le fila e a combattere ancora più duramente contro i nazifascisti, rinfacciando altresì agli alleati la scarsissima consistenza degli aiuti inviati ai garibaldini, sporadicamente, e fino ad allora solo per mare con una minuscola imbarcazione che sbarcava nella zona tra Bordighera e Ventimiglia.
Sandro Badellino, Mia memoria partigiana. Esperienze di vita e vicende di lotta per la libertà di un garibaldino imperiese (1944-1945), edizioni Amadeo, Imperia, 1998

Pagina iniziale della "interpretazione" data dal CVL al proclama di Alexander

Così, durante il mese di novembre, uno a uno, i distaccamenti della II^ Divisione garibaldina "F. Cascione" rivalicarono lunghe teorie di monti, di passi e di boschi, tra bufere di neve, nel gelo e nei pericoli delle valanghe, e rientrarono ai loro casoni ben sapendo che qui li attendeva l'inverno ed un avversario dappertutto vigile e implacabile.
C'era, però, in loro anche la fiducia che la pressione dei tedeschi sarebbe stata fra non molto alleggerita, perché gli alleati angloamericani avrebbero dato avvio all'offensiva contro la Linea Gotica costringendo i tedeschi a ritirare soldati e mezzi dal fronte antiguerriglia.
Senonché, inatteso, una di quelle grigie sere di novembre, toccò anche ai partigiani della I^ Zona Liguria di dover ascoltare un proclama rivolto a tutti i partigiani d'Italia, che diceva:
"Patrioti, la campagna estiva è finita e ha inizio la campagna invernale. Il sopravvento della pioggia e del fango inevitabilmente significa un rallentamento del ritmo della battaglia. Quindi le istruzioni sono come segue:
1) cesserete per il momento operazioni organizzate su vasta scala;
2) conserverete le vostre munizioni e vi terrete pronti per i nuovi ordini;
3) ascolterete il più possibile il programma 'Italia combatte' trasmesso da questo Quartier generale in modo da essere al corrente di nuovi ordini e cambiamenti di situazioni...
".
Si trattava del proclama del comandante delle truppe alleate in Italia, generale Alexander; un proclama col quale si invitavano i partigiani italiani a deporre le armi, a non guerreggiare più; in altre parole a tornarsene a casa, come se ai tedeschi e ai fascisti essi avessero potuto dire:  "Per adesso non facciamo più alla guerra, stiamocene in pace per qualche mese, riprenderemo ad ammazzarci più avanti, quando gli angloamericani daranno l'ordine".
"Un assurdo, un tradimento, una sporca manovra politica per smantellare il movimento partigiano e vietare al nostro popolo di conquistarsi col proprio decisivo contributo la libertà e l'indipendenza", ecco, questa fu l'immediata amara interpretazione che la stragrande maggioranza dei partigiani diede al proclama.
E dignitosa fu la risposta che anche i partigiani dell'estremo Ponente ligure diedero all'ordine del generale Alexander: "Non lasceremo la botta; non nasconderemo le armi; non attenderemo ordini di smobilitazione dallo straniero, ma solo dai nostri comandanti, che sono con noi nel pericolo e nel sacrificio".
Fu una risposta tanto dignitosa quanto drammatiche si prospettavano le condizioni di lotta in quella vigilia di un inverno rigido e in un territorio impervio, povero di risorse alimentari e, soprattutto, intensamente presidiato dal nemico che, per effetto del proclama del generale Alexander, poteva intensificare le azioni dì rastrellamento, più abbondantemente disponendo di uomini e di mezzi distolti dal fronte di guerra, appunto dalla cosiddetta "Linea Gotica".
Ebbe così inizio un altro capitolo della Resistenza dell'Estremo Ponente ligure; le squadre, i distaccamenti, i battaglioni e le brigate, più saldamente organizzandosi in due divisioni, anziché deporre le armi, ne tirarono fuori altre, e, in luogo di cessare le "operazioni organizzate", moltiplicarono le azioni di guerriglia in imboscate, in colpi di mano, in attentati, in sabotaggi, in distruzioni di ponti, in attacchi a mezzi di comunicazione tedeschi, in caccia a spie e a collaborazionisti.
Per risposta, tedeschi e fascisti reagirono con più ferocia investendo le basi partigiane, moltiplicando i rastrellamenti, le razzie, le fucilazioni indiscriminate e le persecuzioni contro i civili rastrellati per i casolari e nei poveri villaggi della montagna.
Bruno Erven Luppi, Saltapasti, La Pietra, Milano, 1979 

I partigiani garibaldini e i badogliani, allora gli rispondono di no, al generale Alexander, che gli aveva mandato a dire di disarmare, basta così.
Gli rispondono fuori dai denti, che se lo tenga pure tutto intero il suo proclama, ma se lo adoperi soltanto per pulirsene il culo; e che semmai lo mandi a dire ai nazifascisti di mettersi in borghese, si salvi chi può.
Poi nei loro dialetti tutti d'accordo in tutte le valli dell'alta Italia, gli dicono ancora degli altri bruttezzi come vengono vengono, alla sanfasson.
A Fontane però, i tedeschi non ci vengono né subito né dopo, stancandosi ai valichi; cosicché in Piemonte con comodo i garibaldini, coi soldi del cielleenne, si mettono in sesta; invece i badogliani allarmati cominciano a ciccare aglio avanti indietro, per il timore della rappresaglia, dopo i primi colpi di mano.
Le staffette si mettono per la pianura dalle parti di Mondovì, in cerca di panno buono e di scarpe di cuoio fatte a mano, tanto per non perdere tempo in quella valle tranquilla, dove non ci capita mai niente; i distaccamenti fanno qualche puntata qua e là, ma per lo più battono la fiacca, perché adesso si mangia finalmente il pane bianco e di nuovo il ragù, anche se manca il sale.
Poi, a poco a poco si rifanno gli appelli e gli elenchi della roba, con gli inventari tutti in regola per la intendenza, trafficando un po' con la repubblica nei magazzini di fondovalle o alle buone o alle brutte, chissà come capita.
Ma gli uomini diventano nervosi a stare sempre lassù, essendo all'altro modo il terreno piemontese tutto diverso nella guerriglia che dura; eppoi, bisogna ben tornarci sul terreno ligure adatto e confacente tra gli ulivi, che loro conoscono essendoci sempre stati come a esserci proprio di casa: laggiù dico, dove i nazifascisti hanno bruciato così tanto vicino al mare; bisogna ben tornarci per rifarli anche con loro i conti come si deve.
Bisogna ben dirlo insieme con tutta quella gente com'è andata, e i conti rifarli proprio giusti sul posto tutti insieme, senza imbrogli per nessuno, altroché.
C'è della gente, ce n'è ancora tanta laggiù tra gli ulivi, con le spie i campi minati i ponti rotti e i posti di blocco, senza l'intendenza senza nessuno che ci pensa; senza più nemmeno poter piangere da soli con gli occhi secchi.
Epperciò, bisogna ancora farne per così di delibere democratiche nelle repubbliche di quelle valli vicine al mare, scarpentate dai nazifascisti; bisogna farle lo stesso, anche se adesso ci sono ancora i tedeschi con la brigata nera, che non la finiscono mai di bruciare.
E tu dunque, o partigiano delle balle, lo capisci sì o no che non ci puoi più stare in questa valle piemontese, anche se ci stai comodo, perché non ci sei di casa? 
Osvaldo Contestabile, Scarpe rotte libertà. Storia partigiana, Cappelli editore, 1982, p. 114
 
Il 15 novembre 1944 i tedeschi, accompagnati da un delatore del posto, rastrellarono la zona di San Romolo, Frazione di Sanremo (IM), ed uccisero in varie azioni, alcune particolarmente efferate, 5 patrioti, tra cui Aldo Baggioli (Cichito), comandante della Brigata S.A.P. "Giacomo Matteotti". Delle centinaia di persone fermate in quell'operazione, quasi tutte rilasciate, 7 o 8, a seconda delle fonti, vennero fucilate al Forte di Santa Tecla nei pressi del porto di Sanremo [Mario Mascia <L'epopea dell'esercito scalzo, Ed. Alis, 1946, ristampa del 1975> raccolse e pubblicò su quel rastrellamento la drammatica testimonianza del sapista Dario Lori Rovella, che ci si ripromette di riferire con maggiori dettagli in una prossima occasione, attingendo anche a parte del verbale di interrogatorio, da parte, finita la guerra, di un tribunale italiano, di Ernest Schifferegger, SS, ed interprete, già di stanza in Sanremo].
Molti altri episodi di guerriglia e di rastrellamenti si susseguirono nella seconda metà di novembre 1944.
Per colpa di alcune spie vennero uccisi 2 partigiani a Pieve di Teco (IM).
Il 17 novembre al termine di un  rastrellamento condotto nel centro storico della Pigna e in Frazione Poggio, sempre di Sanremo, venivano fucilati 3 civili. A Poggio vennero anche bruciate alcune case.
Il 24 novembre i nazifascisti uccisero in Sanremo altre 10 persone su 24 prelevate in alcuni paesi.
Da Pigna vennero condotti a Poggio di Sanremo per essere fucilati i partigiani Giuseppe Castiglione, Pietro Famiano, Michele Ferrara, Giobatta Littardi, Angiolino Bianconi Selmi.
Da Rocchetta Nervina a San Giacomo di Sanremo, dove vennero trucidati, Domenico Basso, Filippo Basso, Stefano Boero e Marco Carabalona. Sempre in Sanremo venne fucilato quel giorno il sapista Giovanni Dino Ceriolo.
Il 18 novembre 1944 aerei alleati colpirono Briga e Pieve di Teco (IM).
Il 20 navi inglesi bombardarono Sanremo (IM), causando danni nella parte occidentale della città.
Il 29 venne colpita dal mare - ci furono numerose vittime - Ventimiglia (IM).
I partigiani, molti dei quali erano diventati molto abili nell'uso del tritolo, attuarono un numero considerevole di attentati, utilizzando anche mine anticarro e mine antiuomo: tra le vie di comunicazione rese inagibili figurano quella di Triora-Montalto e quelle di Montalto-Carpasio.
Si intensificarono da parte nazista i ricorsi ai delatori. Le informazioni erano pagate fino a 25 mila lire. Era una strategia non più basata su vasti rastrellamenti, che si erano dimostrati macchinosi e scarsi di risultati, ma su attacchi veloci, di preferenza notturni, su obiettivi sicuri indicati da spie.
In un quadro di questo genere andò a delinearsi a breve la trista figura della "donna velata".
I comandi tedeschi e fascisti, inoltre, per cercare di tagliare gli approvvigionamenti ai garibaldini, decisero di presidiare più centri abitati con stanziamenti militari fissi.
Rocco Fava, Op. cit.

Domenico Arnera, nato a Savona il 25 aprile 1917, aiuto disegnatore, già sottoufficiale di marina. Come molti savonesi di Villapiana, quartiere dove abita, aderisce al movimento della Resistenza. Agli inizi di luglio 1944 è tra gli organizzatori delle formazioni garibaldine liguri in Val Tanaro, comandante del Distaccamento "Bellina", dislocato a Fontane di Frabosa Soprana: è attivissimo nella raccolta di derrate alimentari, coperte ed abiti per i distaccamenti. A fine ottobre è Capo di Stato Maggiore della Brigata "Belgrano" della Divisione Garibaldi "Felice Cascione". È arrestato in Val Corsaglia il 18 dicembre 1944, a seguito di una involontaria delazione di un abitante del luogo che, vedendolo passare scortato da un tedesco armato, pare abbia commentato: "Hanno preso Aldo, il capo della Stella Rossa". In realtà Arnera, in compagnia di Fred Sutterline (disertore tedesco ancora in divisa, appena arruolatosi con i partigiani) è in viaggio verso l'ospedale di Mondovì per ricevere cure appropriate e debellare un'infezione. È condotto a Corsaglia, quindi a Mondovì Piazza e rinchiuso nelle carceri della Caserma Galliano. I tentativi dei comandi partigiani per uno scambio di prigionieri non danno l'esito sperato; Aldo viene fucilato il 27 dicembre 1944.
Decorato alla memoria di medaglia di bronzo al valor militare: "Durante un forte rastrellamento da parte del nemico, incurante del pericolo, sotto l'imperversare di un'intensa azione di fuoco, provvedeva ad occultare un ingente quantitativo di viveri evitando che cadesse in mani nemiche. Sebbene ferito, rimaneva ancora per cinque giorni al suo posto di lotta, finché sfinito di forze, veniva fatto prigioniero; sottoposto a torture e sevizie le sopportava fieramente destando l'ammirazione dello stesso avversario. Affrontava serenamente la morte senza svelare alcuna notizia". Val Corsaglia-Mondovì, 10-27 dicembre '44
Redazione, Arrivano i Partigiani, inserto "2. Le formazioni di montagna della I^ e della VI^ Zona Operativa Ligure che operavano nella provincia di Savona", I RESISTENTI, ANPI Savona, 2011 


Arnera, capo di Stato Maggiore della I^ Brigata "Silvano Belgrano", a quel tempo ancora incorporata nella II^ Divisione, venne arrestato in Val Tanaro il 18 dicembre 1944 a seguito di un'involontaria delazione e fu fucilato a Mondovì (CN) il 27 dicembre 1944. A lui venne intitolata la IV^ Brigata della nuova Divisione "Silvio Bonfante".
Si presero contatti anche con le formazioni autonome di "Mauri".
Rocco Fava, Op. cit.